Blog

Blog

Rosa Canina: pianta ricchissima di Vitamina C
che deve il suo nome ad una storia dell’antica Roma.

Oggi vogliamo parlarvi di una pianta che impieghiamo nel nostro laboratorio di produzione  sottoforma di fitoestratto per arricchire i nostri integratori alimentari con funzioni specifiche in base all’esigenza.

Rosa canina (nome botanico Rosa Canina L.)

Pianta spontanea appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Si tratta di una specie molto utilizzata in erboristeria e fitoterapia per le sue proprietà e i suoi benefici. Questa rosa di bosco deve l’appellativo botanico “canina” a Plinio il vecchio (scrittore, naturalista, filosofo naturalista, comandante militare e governatore provinciale romano), che riportava di un soldato, morso da un cane e guarito dalla rabbia, grazie all’assunzione di un decotto di radici di rosa canina.

La raccolta oggi è controllata e limitata e avviene a mano con tecniche antiche. Il frutto, il cinorrodo, che deriva da una splendida fioritura tardo primaverile è una bacca rossa che rende spettacolari in autunno interi versanti montani. 

La tradizione contadina ci trasmette l’utilizzo a fini alimentari di questo frutto dalle caratteristiche nutrizionali davvero interessanti.

I frutti e le gemme di rosa canina hanno proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie e antiossidanti. Le preparazioni erboristiche a base di rosa canina servono soprattutto come integratori di vitamina C. La rosa canina viene normalmente consigliata come rimedio per aumentare le difese immunitarie, combattere gli stati infiammatori, alleviare i sintomi delle allergie e contrastare l’azione dei radicali liberi. 

I NOSTRI INTEGRATORI ALIMENTARI CON ROSA CANINA

Rosa Canina: pianta ricchissima di Vitamina C
che deve il suo nome ad una storia dell’antica Roma.
Leggi tutto »

ASTRAGALO O ECHINACEA? Qual è il miglior rimedio per il nostro sistema immunitario?

ASTRAGALO O ECHINACEA? Qual è il miglior rimedio per il nostro sistema immunitario?

Oggi vogliamo parlarvi di due piante usate come rimedio antichissimo utili a potenziare il sistema immunitario:

L’Astragalo e l’Echinacea.
Abbiamo voluto metterle a confronto perché, pur avendo effetti simili sul nostro corpo, hanno dei principi ben diversi con i quali agiscono.

L’Astragalo (nome botanico Astragalus membranaceus)
è una pianta che appartiene alle leguminose originaria della Cina settentrionale. Nella Medicina Tradizionale Cinese viene utilizzata come tonico, in caso di debolezza e per aumentare la resistenza alle malattie. Studi clinici hanno dimostrato che l’utilizzo di Astragalo determina l’aumento del numero di anticorpi (IgA e IgG) e addirittura pare blocchi, in esperimenti di laboratorio, la moltiplicazione di alcuni virus (retrovirus) agendo sul loro RNA. I responsabili di questa azione potrebbero essere i polisaccaridi (molecole imparentate con gli zuccheri) contenuti in gran quantità nella radice di Astragalo. Sono ancora oggetto di studio gli specifici meccanismi d’azione. L’Astragalo contiene inoltre molecole con azioni antiossidanti e antibatteriche, che vanno a potenziare l’effetto positivo sul sistema immunitario. Viene dunque confermato ciò che la tradizione sapeva da secoli: l’Astragalo stimola i globuli bianchi e potenzia le difese del corpo.

L’Echinacea (nome botanico “Echinacea Purpurea”), invece, è una pianta originaria del continente Americano. Per i nativi americani era una pianta sacra, tradizionalmente impiegata a scopo terapeutico per varie malattie e per contrastare il morso di serpenti e insetti velenosi. Viene ancora utilizzata per le sue azioni sulle infezioni in corso, antibiotiche ed antivirali, per stimolare il sistema immunitario e quindi come prevenzione dell’influenza. Le sostanze attive presenti nella pianta agiscono sulle cellule del sistema immunitario in vari modi: stimolano l’azione dei macrofagi (globuli bianchi) a “disintegrare” le cellule batteriche infettive, aumentano la produzione di proteine che a loro volta attivano la distruzione di cellule estranee al corpo. In questo modo l’effetto dell’Echinacea è ad ampio raggio, stimolando le difese del corpo contro gli “attacchi esterni” in generale. Per potenziarne l’azione, di solito, si consiglia  di assumere Echinacea in abbinamento a vitamina C.

In conclusione potremmo dire che le due piante hanno effetti simili sul nostro corpo favorendo e stimolando le naturali difese dell’organismo, con la differenza che l’Astragalo viene utilizzato anche come tonico adattogeno e quindi ha una maggiore efficacia per contrastare le infezioni.

 

ASTRAGALO O ECHINACEA? Qual è il miglior rimedio per il nostro sistema immunitario? Leggi tutto »

Althaea officinalis L – Pianta dalle antiche virtù terapeutiche. Tutte racchiuse nel suo nome

Altea, nome scentifico Althaea officinalis L. che deriva dal greco “althos”.
È curioso come nel suo nome e nel linguaggio dei fiori siano racchiuse tutte le virtù di questa pianta tanto usata fin dall’antichità come rimedio terapeutico. Infatti  parola greca Althos, significa proprio rimedio, guarigione. Una credenza popolare dice che incenerire l’altea favorisce la purificazione della casa

Virgilio scoprì l’altea grazie ai Celti della pianura padana e le diede nome latino, “ibiscum”.
Carlo Magno, conoscendone le virtù terapeutiche, promosse la coltivazione dell’Altea fattoria.

Molto simile alla malva L’altea viene anche chiamata malva bianca per il fatto che, contrariamente alla malva tradizionale, ha fiori bianchi, con la base leggermente violetta. Particolari sono le foglie incise in tre o cinque lobi disposte a spirale sul fusto alto fino a un metro e mezzo; una peluria vellutata riveste entrambe le pagine fogliari facendole apparire di colore verde grigio.

Veniva usata per il suo potere emolliente e lenitivo, spesso usato per frizionare le gengive sensibili dei bambini durante la comparsa dei primi dentini.

In cosmetica l’altea è usata come idratante e lenitiva per la pelle e per riposare gli occhi stanchi usando impacchi di altea sulle  parpebre. Le principali proprietà benefiche dell’Altea sono:

L’Altea mostra spiccate attività emollienti, particolarmente usato come rimedio naturale contro tossi secche, faringiti, bronchiti in quanto esercita un’azione antinfiammatoria sulle prime vie respiratorie. Proprio grazie al suo alto contenuto di mucillagini mostra un efficace effetto emolliente anche sul tratto gastro-intestinale rivestendole mucose con un sottile strato mucillaginoso. Grazie a questa sua proprietà si mostra utile per proteggerle in caso di reflusso e iper-acidità ma anche come rimedio naturale in caso di stipsi (per donare emollienza alle feci facilitandone l’evacuazione).

Nei nostri prodotti l’Altea  viene usata come aggiunta agli integratori alimentari per favorire il benessere di naso e gola.

Althaea officinalis L – Pianta dalle antiche virtù terapeutiche. Tutte racchiuse nel suo nome Leggi tutto »

BENVENUTO AUTUNNO

La tua pelle ha bisogno di essere nutrita e idratata dopo l’estate?
La nostra crema viso alla Pappa Reale e Olio di Argan è super nutriente ed è indicata per pelli normali e secche. Grazie alla sua composizione, con Olio di Argan e Pappa Reale garantisce un’ottima idratazione del viso per tutto l’arco della giornata aiutandola a riprendere tonicità e morbidezza.

BENVENUTO AUTUNNO Leggi tutto »

MITI E LEGGENDE SULLE ERBE AROMATICHE

Le proprietà aromatiche di alcune piante hanno dato origine a vari miti e leggende che le circondano durante tutto il corso della storia. Superstizioni, credenze popolari ricche di mistero e fascino. È il caso del basilico, del rosmarino e della menta.

Il basilico possiede una sua storia multiculturale. In India è considerato sacra al dio Vishnu, mentre in Grecia è associato ai sentimenti d’odio e di invidia, in Moldavia c’è invece la credenza che possa favorire l’incontro con la propria anima gemella.

Menta era il nome di una delle figlie del fiume infernale Cocito. Un giorno si innamorò di Plutone e divenne sua amante, ma Proserpina, moglie di Plutone, scoprì la tresca e per vendicarsi mutò con un maleficio la giovane ninfa in un’erba: la menta. Invece gli antichi Romani pensavano che questo vegetale fosse capace di aumentare la memoria. Proprio per questo si ipotizza che dalla parola menta derivi quella latina “mens” e la successiva evoluzione in “mente”.

Un’altra famosa piantina aromatica è il rosmarino, e ovviamente non mancano anche in questo caso le antiche leggende. Infatti in Grecia era considerato il simbolo della dea dell’amore Afrodite, pertanto rappresentava il desiderio amoroso e l’unione matrimoniale. Mentre una leggenda spagnola narra che la Madonna si nascose dai soldati di Erode grazie ad un grande cespuglio di rosmarino. Questo accadde quando la madre di Cristo scappò in Egitto con Gesù neonato.

MITI E LEGGENDE SULLE ERBE AROMATICHE Leggi tutto »

La natura che ispirò la chiusura “Hook and Loop”

Come tutti sappiamo La bardana contiene tutta una serie di principi attivi che ne fanno una pianta attiva verso molte condizioni mediche. Ma vi vogliamo raccontare una curiosità molto interessante sulla Bardana. Lo studio della particolare caratteristica dei suoi capolini ricurvi, utilizzati per la dispersione dei suoi semi attraverso gli animali la cui caratteristica più nota è quella di attaccarsi ai vestiti, sembra che abbia ispirato l’invenzione del sistema apri e chiudi: il velcro.

LA NATURA CHE ISPIRO’ LA CHIUSURA HOOK AND LOOP

Si racconta che un giorno d’estate, negli anni Quaranta, George de Mestral, ingegnere svizzero appassionato di caccia e amante della montagna, se ne fosse uscito per una passeggiata portando con sé anche il suo cane. Di ritorno a casa, si era accorto che i suoi vestiti e il pelo dell’animale erano pieni degli appiccicosi fiori di Bardana selvatica. Incuriosito, de Mestral cercò di carpire il segreto che si nascondeva dietro a quel buffo e fastidioso fiore.  Armatosi di microscopio cominciò a osservare il modo con cui si attaccavano alle superfici.

Fù cosi che vide con i suoi occhi che il segreto dei fiori di Bardana era racchiuso del modo in cui essi diffondevano i propri semi.

La loro superficie infatti era ricoperta di una sorta di aghi le cui estremità terminavano con degli uncini, i quali a loro volta si arpionavano ai cappi naturali presenti sul pelo degli animali o sui tessuti. Da lì l’idea di fare un sistema simile che potesse andar bene per gli indumenti e non solo:
uncini da un lato, cappi dall’altro.

I’ingegnere de Mestral nel 1955 brevettava il suo Velcro.

Il suo nome nasceva dall’insieme delle parole francesi velour (velluto) e crochet (gancio, uncino).

Fu un successo spaziale. I primi a beneficiarne furono infatti gli astronauti, dove l’attacca e strappa serviva loro a fissare gli oggetti che non dovevano mettersi a svolazzare nella cabina, e a staccarli all’occorrenza strappando le chiusure. Ma il resto della popolazione non riuscì a cogliere subito le potenzialità dell’invenzione.

La natura che ispirò la chiusura “Hook and Loop” Leggi tutto »

Consigli per labbra morbide e belle

Le labbra sono la parte del nostro viso più esposta agli
agenti atmosferici e di conseguenza subiscono di conseguenza maggiormente gli inconvenienti di freddo, caldo e vento. Anche alcune cattive abitudini possono rendere
le labbra secche. Esistono, tuttavia, degli accorgimenti che
possiamo adottare per ottenere e
mantenere le labbra belle e naturalmente morbide.

Consigli per avere delle labbra morbide:

  • Evitare il più possibile di leccare le labbra per non incorrere ad eccessiva secchezza.
  • Bere molta acqua. L’acqua è molto importante per l’idratazione del nostro corpo e le labbra screpolate potrebbero essere uno dei sintomi di disidratazione. Una recente indagine della Società italiana di medicina generale (SIMG) in collaborazione con Nutrition Foundation Italy (NFI) ha evidenziato che gli italiani bevono poca acqua, mentre si dice che per stare bene e per far star bene il corpo occorre bere almeno 2 litri di acqua al giorno. E’ dunque importante anche per avere labbra belle e morbide.
  • Mangiare frutta e verdura ricca di vitamine C e B e frutta secca ricca in Omega-3, vitamine e acidi grassi essenziali per il benessere delle labbra e della pelle in genere. 
  • La vitamina C consente di proteggere le labbra ed il loro contorno, in modo efficace dagli agenti ossidanti e dai radicali liberi, rallentando cosi il processo d’invecchiamento cutaneo.
  • Utilizzare un buon Stick per le labbra, naturale e idratante. L’eccessiva secchezza delle labbra potrebbe essere un segnale da parte della pelle che qualche componente all’interno dei rossetti non è ben tollerato. Attenzione, quindi, all’ Inci dei prodotti.
  • Ricordare di struccare bene le labbra la sera in modo da non lasciare traccia di cosmetici magari a lunga tenuta preferendo rossetti morbidi, cremosi e dibuona qualità.

Consigli per labbra morbide e belle Leggi tutto »

La Tisana Detox: come depurare l’organismo

 

Cari amici,
Le temperature miti e le ripetute giornate di sole di questo febbraio hanno già risvegliato le api e sicuramente anche noi ci sentiamo più attivi. Nonostante ciò spesso ci si accorge di essere un po’ “intasati” dall’inverno. Ma sapete quale stagione è migliore per depurarsi ed eliminare le tossine accumulate? Proprio la primavera che ci bussa alla porta.
Si parla spesso che in primavera serve un regime disintossicante e in questo le tisane ed infusi sono nostri potenti alleati naturali. 

Ecco quindi che arriva la svolta da Maso delle Erbe. Vi presentiamo la nostra nuova tisana Detox, creata attraverso l’uso di ingredienti naturali accuratamente selezionati, in cui si combinano il piacere dei sensi e un approccio complessivo per liberare il corpo dalle tossine e per farlo funzionare al meglio.
La Tisana Detox è composta da: bardana – pianta detox per eccellenza; 
ortica – che agisce da “spazzino” ed è un elisir per la circolazione del sangue; 
verbena – un valido alleato per combattere reumatismi e dolori articolari, e altre piante con importanti virtù officinali come achillea, sambuco, salsapariglia, parietaria, betulla, gramigna e genziana.
La nostra tisana disintossicante aiuta l’organismo ad eliminare le tossine che si sono accumulate soprattutto attraverso l’alimentazione. 
In particolare, la tisana depurativa agisce su sangue, fegato e reni, gli organi adibiti alla disintossicazione dell’organismo. 
Libera il nostro corpo dalle scorie accumulate nel tempo e rafforza il sistema immunitario. 
E ‘un rimedio naturale molto efficace per tutti i tessuti, benefica soprattutto in caso di problematiche della pelle, come acne, dermatosi e eczemi, ma anche per reumatismi, gotta, diabete e calcoli ai reni.

E come berla? 
Si dice che esiste una tisana per ogni momento della giornata. 
Il momento ideale per bere una tisana depurativa è sicuramente al mattino a digiuno per un ciclo di 20 giorni circa.  

Per ottenere anche l’effetto drenante è meglio berne almeno un litro nel corso del giorno. 
(Invitiamo di EVITARE l’Assunzione DOPO le ore 17:00 per non Avere Interferenze con il sonno.)

Il corpo in Quanto tempio dell’anima va curato e custodito Accuratamente e quando Il Nostro Corpo Lavora bene Anche le idee Più Chiare si Fanno la strada.

Facebook
Email
WhatsApp
LinkedIn

La Tisana Detox: come depurare l’organismo Leggi tutto »

Gocce analcoliche di propoli: l’integratore dolce e profumato a prova di bimbo

Propoli gocce analcoliche - Maso delle Erbe
Propoli gocce analcoliche - Maso delle Erbe
Author picture

Gocce analcoliche di propoli: l'integratore dolce e profumato a prova di bimbo

Il gusto dolce e il piacevole profumo d'arancia fanno di questo integratore uno dei nostri prodotti più graditi da grandi e piccini

Sulla scia dello scorso anno continuiamo il nostro percorso nel mondo dell’apicoltura. Uno dei prodotti più particolari del mondo delle api è sicuramente la propoli. Esso è un insieme di cere e resine provenienti dalle piante che le api lavorano assieme ai loro enzimi per dare origine a questo meraviglioso prodotto che funge da materiale di protezione per la loro arnia. La propoli racchiude in sé proprietà antibatteriche, antivirali e immunostimolanti.

Noi abbiamo pensato di utilizzare le sue proprietà e racchiuderlo in uno dei nostri prodotti più speciali: LE GOCCE ANALCOLICHE DI PROPOLI.

Propoli-gocce-analcoliche.jpg

La peculiarità di questo prodotto consiste nell’estratto di propoli analcolico che rappresenta una delle innovazioni del nostro laboratorio. Utilizziamo un metodo di estrazione esclusivo che riesce a inglobare tutti i principi attivi della propoli. Il prodotto finale che otteniamo è unico nel suo genere per profumo, consistenza e principi attivi.

L’estratto di propoli analcolico si differenza dalla più nota tintura alcolica essenzialmente per due motivi: il primo è l’assenza di alcol che lo rende adatto anche ai bambini, il secondo è il gusto che è decisamente più gradevole rispetto alla tintura soddisfacendo i gusti più difficili.
Avendo sempre in mente i nostri clienti più esigenti: i bambini, abbiamo incorporato nell’estratto grezzo di propoli analcolico, l’aroma di arancio e fitoestratti come l’Echinacea per renderlo un integratore completo a tutti gli effetti.
L’Echinacea è una piccola pianta erbacea nota per i suoi splendidi fiori dal colore violaceo. Originaria dal Nord America, veniva usata dagli antichi Indiani come rimedio contro raffreddori, ferite, scottature e piccoli disturbi legati al cavo orale. Studi più recenti hanno rivelato che i fiori e le radici di questa pianta contengono numerose proprietà: di nota sono sicuramente la sua azione immunostimolante, antivirale e antibatterica.
Il connubio della nostra propoli, Echinacea e l’azione rinfrescante dell’arancio rendono questo integratore alimentare completo, ideale da assumere al mattino per avere una piccola carica per la giornata lavorativa o di studio. Il nostro prodotto si caratterizza per l’altissimo contenuto di propoli, circa un 40%, che lo rende davvero un complemento alla dieta per avere un’azione energizzante e immunostimolante. Inoltre l’elevato quantitativo di propoli ha anche un’azione antibatterica ed efficace in bocca contro piccoli fastidi alle gengive sia per grandi che per i più piccoli.

Questo prodotto più di altri soddisfa anche le esigenze dei più piccoli, grazie alla sua dolcezza e il profumo e di arancio diventerà sicuramente il loro integratore preferito.

Speriamo che possiate iniziare il nuovo anno qualche goccia della nostra propoli che sicuramente cambierà la vostra giornata. Il nostro laboratorio e tutto il nostro team vi augura uno splendido inizio anno e vi diamo appuntamento al prossimo mese dove continueremo a portarvi sempre più vicino alle delizie delle api e all’impegno del nostro laboratorio erboristico.

Le gocce analcoliche di propoli le trovi sul nostro negozio online. Provale subito!

Facebook
Email
WhatsApp
LinkedIn

Gocce analcoliche di propoli: l’integratore dolce e profumato a prova di bimbo Leggi tutto »

Lo sciroppo dell’apicoltore: dall’alveare passa il benessere di naso e gola ​

Author picture

Lo sciroppo dell'apicoltore: dall'alveare passa il benessere di naso e gola

Miele, propoli e un sapore dal gusto balsamico fanno di questo sciroppo uno dei prodotti più apprezzati dai nostri clienti

Questo mese vorremmo parlarvi del nostro sciroppo più venduto: lo sciroppo dell’Apicoltore. Come dice il nome stesso, questo sciroppo racchiude in sé i segreti dell’alveare. Le api e i loro segreti più profondi sono custoditi da colui che vive con loro quotidianamente: l’Apicoltore, che in questo sciroppo condivide con tutti noi la pozione magica che porta benessere e sollievo quando più ne abbiamo bisogno. 

Miele, propoli, e un sapore dal gusto balsamico rendono questo sciroppo unico nel suo genere. La sua azione mirata nasce dal connubio inconfondibile della dolcezza del miele unito a fitoestratti quali il pino silvestre e l’eucalipto.

Sciroppo dell'apicoltore

Il miele dona non solo un gusto inconfondibile ma anche numerose proprietà quali l’azione disinfettante e i minerali e le vitamine che sono utili soprattutto quando le nostre difese immunitarie sono più vulnerabili. La propoli, invece, racchiude in sé un’azione disinfettante, antibatterica e antimicrobica che “pulisce” il cavo orale nei casi di catarro.

Una volta liberata e sciolta la gola intervengono gli estratti di eucalipto e pino assieme ai loro olii essenziali per portare sollievo e benessere. Questi ultimi sono noti da secoli per la loro azione balsamica efficace nei casi di raffreddori o ispessimenti del cavo orale dovuti all’accumulo di catarro o muco. Il pino silvestre, albero facente parte delle conifere, presente nei nostri boschi, possiede olii essenziali spesso usati per il loro profumo e per le loro proprietà balsamiche. L’Eucalipto, originario dell’Australia e dell’Oceania è una pianta sempreverde e piuttosto grande. Largamente usato in erboristeria per le sue proprietà, è anche il cibo preferito dei koala che siamo spesso abituati a vedere in vari documentari nascosti e intenti a mangiare foglie di eucalipto. Le foglie di eucalipto contengono olii essenziali che sono efficaci nello sciogliere congestioni catarrali nelle vie respiratorie.

Per aumentare l’azione degli estratti fluidi di pino e eucalipto abbiamo incrementato l’efficacia dello sciroppo unendo anche i loro corrispettivi olii essenziali. Questo meccanismo aumenta il potere dello sciroppo nello sciogliere il catarro e dona sollievo alla gola infiammata. Lo sciroppo dell’apicoltore è indicato in particolar modo per gli adulti. Non consigliamo questo prodotto per i bambini visto l’estratto alcolico di propoli e anche per il gusto deciso che non è di gradimento ai più piccoli. Per i vostri bimbi vi consigliamo lo Sciroppo dell’Ape Regina e lo Sciroppo dell’Alveare, studiati in modo specifico per soddisfare le esigenze dei nostri clienti più piccoli.

Per concludere, anche questo mese ci teniamo ad aggiornarvi con qualche informazione in più sui nostri prodotti e rendervi partecipi della dedizione con la quale ricerchiamo in modo continuo i prodotti naturali più efficaci e stimolanti per soddisfare le vostre esigenze. Ci teniamo anche a ringraziare i nostri clienti che da sempre usano i nostri prodotti, e ai quali siamo grati per la fiducia, che ci è di stimolo per continuare la nostra ricerca.

Lo Sciroppo dell’apicoltore lo trovi sul nostro negozio online. Provalo subito!

Facebook
Email
WhatsApp
LinkedIn

Lo sciroppo dell’apicoltore: dall’alveare passa il benessere di naso e gola ​ Leggi tutto »