Prevenire l'aterosclerosi

L’aterosclerosi appartenente alla categoria delle malattie cardiovascolari è tra le più comuni cause di mortalità negli adulti nel mondo occidentale. In particolare l’aterosclerosi è una malattia cronica causata dall’accumulo di lipidi nelle arterie di medie grandi dimensioni che con il passare del tempo può arrivare ad ostacolare il flusso ematico al suo interno. Le cause possono essere molteplici: da stress ossidativo, risposte infiammatorie, ipercolesterolemia, ipertensione, diabete al fumo di sigaretta. Questi fattori sono correlati e le loro interazioni possono intensificare il problema. Nel corso degli anni sono state sviluppate diverse strategie per alleviare i fattori di rischio, dalla terapia genica, antiossidanti, vitamine ai vari farmaci, ma l’aterosclerosi resta ancora una delle principali cause di morte in tutto il mondo.

Gli antiossidanti assunti con la dieta hanno attirato grande attenzione come una delle opzioni più favorevoli per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le prove accumulate indicano che i prodotti antiossidanti di origine vegetale sono molto più efficaci delle controparti sintetiche nel proteggere e/o rafforzare i meccanismi endogeni di difesa e riparazione. Tra questi, è stato segnalato che il miele presenta significanti effetti benefici. Il miele è stato riconosciuto come “un rimedio riscoperto” e “una fonte di antiossidanti alimentari”.

La capacità antiossidante del miele è ben documentata e differisce da miele a miele, con differenze botaniche e geografiche. È molto interessante notare che i radicali liberi vengono assorbiti dal miele. Questa sua capacità sembra dovuta all’effetto sinergico dei composti fenolici e degli enzimi antiossidanti al suo interno (come la catalasi), che eliminano le specie di radicali liberi e inducono sistemi antiossidanti enzimatici e non.

Un altro aspetto da non sottovalutare è che il miele ha dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo. L’eccesso di colesterolo LDL-C è la causa principale di formazione di placche nei vasi sanguigni, L’esatto meccanismo del miele nel miglioramento di questo fattore di rischio non è stato chiaramente determinato. Tuttavia, i composti fenolici presenti nel miele sono associati al miglioramento della vasodilatazione coronarica, alla prevenzione dei coaguli di sangue e alla protezione del colesterolo LDL dall’ossidazione.

I numerosi benefici del miele non fanno che incrementare il suo valore di benessere, per cui il suo consumo quotidiano è fortemente consigliato. Le molecole bioattive contenute nel miele mostrano la sua capacità nel ridurre la formazione di placche aterosclerotiche (ateromi).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn